Rivista di scienze storiche e sociali
Rivista semestrale scientifica fondata nell’anno 2015
ISSN 2421-0269

Contatti

Il Comitato Scientifico

Mario ASCHERI (1944)
Professore a riposo, già ordinario a Siena, Sassari e Roma Tre, Facoltà di Giurisprudenza, di Storia del diritto medievale e moderno. Ha tenuto conferenze e corsi in università europee, nord-americane e a Gerusalemme. Oltre 200 collaboratori, dal Giappone agli USA, stanno predisponendo 4 volumi di studi per i suoi 70 anni: oltre alla edizione cartacea, i lavori sono liberamente consultabili nel sito di Reti Medievali. Le sue pubblicazioni sono state indicizzate in due file caricati in academia.edu. Si segnalano comunque: Tribunali, giuristi e istituzioni dal Medioevo all’Età moderna (il Mulino, Bologna 1995), Introduzione storica al diritto moderno e contemporaneo (Giappichelli, II ed. riv., Torino 2008), Medioevo del potere: le istituzioni laiche ed ecclesiastiche (il Mulino, Bologna 2000), A Roma da Aracne dirige la collana di Storia del diritto e delle istituzioni. Laurea h. c. dall’Université de l’Auvergne (Clermont-Ferrand); per un decennio al Max-Planck-Institut di Frankfurt/Main come consigliere del suo Beirat; è Senior Fellow della Robbins Collection for Religious Studies a Berkeley, University of California.

Luigi Marco BASSANI (1963)
Insegna Storia delle teorie politiche e Storia del pensiero politico contemporaneo presso l’Università di Milano. Tra le sue pubblicazioni: Thomas Jefferson. Un profilo intellettuale (Guida, Napoli 2002); Il pensiero politico di Thomas Jefferson. Libertà, proprietà e autogoverno (Giuffrè, Milano 2002); Marxismo e liberismo nel pensiero di Enrico Leone (Giuffrè, Milano 2005); Dalla Rivoluzione alla guerra civile. Federalismo e Stato moderno in America 1776-1865 (Rubbettino, Soveria Mannelli 2009); con Stefano B. Galli e Franco Livorsi, Da Platone a Rawls. Lineamenti di storia del pensiero politico (Giappichelli, Torino 2012).

Paolo Luca BERNARDINI (1963)
È professore ordinario di Storia Moderna presso l’Università dell’Insubria, e, per il triennio 2016-2019, “Fellow” presso il Centro Linceo Interdisciplinare “Beniamino Segre”, dell’Accademia dei Lincei di Roma. Si occupa di storia globale, storia dei rapporti ebraico-cristiani, dell’età dell’Illuminismo e di pensiero libertario.

Maurizio BRUNETTI
È professore aggregato di Geometria e Algebra presso Scuola Politecnica e delle Scienze di Base dell’Università di Napoli “Federico II”. Ha conseguito il Master of Science e il Ph.D. in Matematica presso l’università di Warwick (Regno Unito), nonché il Dottorato di Ricerca in Italia. La sua attività di ricerca si svolge prevalentemente nell’ambito della topologia algebrica e nell’algebra omologica con incursioni nella storia della matematica, e si è concretizzata in varie decine di pubblicazioni apparse su riviste specializzate nazionali e internazionali. Sono oggetto dei suoi studi para-accademici le questioni epistemologiche relative alla storia della scienza, l’evoluzione della musica classica occidentale – in particolare del Novecento – e il conservatorismo anglosassone. In quest’ambito, suoi scritti, interviste, recensioni e traduzioni sono apparsi sulle riviste «Cristianità», «Cultura & Identità», «Il Corriere del Sud», «Il Domenicale», nonché, occasionalmente sui quotidiani «Avvenire» e «Roma». Per la D’Ettoris Editori ha curato l’edizione italiana dei seguenti volumi: Guida politicamente scorretta alla storia degli Stati Uniti d’America di Thomas J. Woods Jr. (2011), Lo spirito del Natale di Gilbert K. Chesterton (2013), La genesi della scienza di James Hannam (2015) e Hobbit Party. Tolkien e la visione della libertà che l'Occidente ha dimenticato di Jonathan Witt e Jay W. Richards (2016).

Enrico COLOMBATTO (1954)
È professore ordinario di Politica economica presso la Scuola di Management ed Economia dell’Università di Torino nonché Visiting Professor presso diverse università estere (University of California, Cornell University, University of Toronto, Hoover Institution (Stanford University), Northwestern University Law School, University of Oxford). Dopo la Laurea in Economia e Commercio (Università di Torino, 1977) ha conseguito il Ph.D. in Economia presso la London School of Economics (1983). Dal 2012 è Director of Research dell’IREF - Institut de Recherches Economiques et Fiscales (Parigi e Lussemburgo). Dal 2003 è Adjunct Scholar al Mises Institute (Auburn, USA). Dal 2013 è Senior Fellow del Geopolitical Information Service (Liechtenstein). Tra il 1994 e il 2005 è stato membro della Mont-Pèlerin Society, la prestigiosa associazione fondata da von Hayek. È membro del board di numerose riviste scientifiche tra cui «Review of Austrian Economics, Journal des Economistes et des Etudes Humaines» e «International Journal of Economic Sciences». Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo: Crescita e Commercio Estero nei Paesi in Via di Sviluppo (UTET, 1992), L’immoralità No Global (Rubbettino, 2003) e Markets, Morals and Policy Making: a New Defense of Free Market Economics (Routledge, 2011).

Massimo de LEONARDIS (1949)
Professore Ordinario di Storia delle Relazioni e delle Istituzioni Internazionali e Docente di Storia dei Trattati e Politica Internazionale nell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove dal 2005 è Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche. Coordinatore delle discipline storiche al Master in Diplomacy dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale di Milano. Presidente della International Commission of Military History (2015/2020). Direttore dei Quaderni del Dipartimento di Scienze Politiche e membro dei Comitati Scientifici di varie collane, riviste e centri studi, tra i quali «Nuova Storia Contemporanea» e «Nova Historica. Rivista Internazionale di Storia». Nel corso della sua attività scientifica è stato nel 1979 Wolfson Fellow della British Academy, nel 1985 Visiting Fellow dello United Kingdom Program della University of Southern California, nel 1993-94 NATO Individual Research Fellow, nel 1999 Fellow del Salzburg Seminar, nel 1999, 2007 e 2009 direttore di ricerca presso il Centro Militare di studi Strategici. In ambito universitario ha pubblicato 23 volumi e più di 200 altri saggi in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo e bulgaro.

Giovanni DESSÌ (1956)
È professore associato di Storia del pensiero politico contemporaneo presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “Tor Vergata” di Roma. Collabora a diverse riviste scientifiche. Fa parte della redazione degli «Annali della Fondazione Ugo Spirito». Dal 2005 al 2009 è stato direttore della Fondazione Ugo Spirito di Roma. Dell’Istituto Luigi Sturzo di Roma, dal 2010, è responsabile dell’Area ricerche e, dal 2015, è segretario generale. Si è interessato a Max Horkheimer e agli autori della Scuola di Francoforte, a Reinhold Niebuhr, a Walter Lippmann ed alla cultura nordamericana, ad Augusto Del Noce e a Ugo Spirito.

Antonio DONNO (1946)
È professore ordinario di Storia delle Relazioni Internazionali presso l’Università del Salento. Ha insegnato la stessa disciplina nella LUISS “G. Carli” dal 2004 al 2009. Ha pubblicato numerosi saggi di storia degli Stati Uniti, del Medio Oriente, con particolare riguardo ad Israele, della guerra fredda. I suoi ultimi libri: In nome della libertà. Conservatorismo americano e guerra fredda (2004); Barry Goldwater. Valori americani e lotta al comunismo (2008); Nixon, Kissinger e il Medio Oriente, 1969-1973 (2010, con Giuliana Iurlano); Una relazione speciale. Stati Uniti e Israele dal 1948 al 2009 (2013) e L’amministrazione Nixon e il continente africano. Tra decolonizzazione e guerra fredda (1969-1974) scritto insieme a Giuliana Iurlano (2016). È editor-in-chief di «Eunomia. Rivista semestrale on-line di Storia e Politica Internazionali».

Carmelo FERLITO (1978)
Insegna Storia del Pensiero Economico e Microeconomia presso l’INTI International College di Subang Jaya, Malaysia. È inoltre Senior Fellow presso l’Institute for Democracy and Economic Affairs (IDEAS) di Kuala Lumpur, un importante think tank liberale asiatico. Nel 2003 ha conseguito la laurea in Economia presso l’Università degli Studi di Verona, con un lavoro sulla teoria dei cicli economici di Schumpeter, redatto sotto la guida di Paolo Sylos Labini. Il nucleo centrale della tesi di laurea è diventato un saggio pubblicato dal «Quarterly Journal of Austrian Economics» nel 2011. Presso l’Università degli Studi di Verona ha poi ottenuto il Dottorato di Ricerca in Storia Economica. Dal 2004 al 2009 ha collaborato con la cattedra di Storia Economica dell’Università di Verona e con quelle di Storia del Pensiero Economico dell’Università di Macerata e dell’Università del Salento. Oggi le sue ricerche sono principalmente tese a sviluppare la teoria del ciclo economico e quella del capitale. Significativo a tal proposito il saggio The Natural Cycle pubblicato nel 2014 dal «Journal of Reviews on Global Economics». L’ultimo libro di Ferlito è Hermeneutics of Capital (Novinka, New York 2016). In totale ha all’attivo cinque libri e oltre trenta saggi su riviste scientifiche italiane ed internazionali.

Roberto FESTA (1952)
È professore ordinario di Filosofia della Scienza e Logica presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste. È autore di numerose pubblicazioni, apparse in sedi internazionali, su diversi aspetti del metodo scientifico, con particolare riguardo all’epistemologia bayesiana e alla verosimilitudine delle teorie scientifiche. Negli ultimi anni si è occupato dei problemi relativi all’epistemologia della medicina e al ruolo metodologico della teoria dei giochi nelle scienze sociali.

Giuseppe GOISIS (1944)
È professore ordinario di Filosofia Politica e Politica ed etica nel Dipartimento di Filosofia e Beni culturali dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Autore di monografie riguardanti temi e figure del pensiero politico fra Ottocento e Novecento, tra cui Sorel e i soreliani italiani (Venezia, 1983), Mounier fra impegno e profezia (Padova, 1990), Eiréne. Lo spirito europeo e le sorgenti della pace (Verona, 2000), Il pensiero politico di A. Rosmini (Verona, 2010); ha curato (con I. Adinolfi) il volume I volti moderni di Gesù (Macerata, 2013). Ha pubblicato il volumetto Tommaso Moro (distribuito con il «Corriere della Sera») e ha composto il saggio Una guerra lungamente attesa. Infine, sul tema del profumo, lo scritto Olfatto e profumo nella riscoperta della vita sensibile. È impegnato sul versante dei Diritti umani, collaborando, con il Centro Studi Diritti dell’uomo (CESTUDIR) di cui è vicepresidente. Collabora ad istituzioni culturali in Italia e in Europa.

Ettore GOTTI TEDESCHI (1945)
Noto economista italiano. Per i primi 12 anni della sua vita professionale ha lavorato nella consulenza strategico finanziaria (Sema a Parigi e McKinsey a Milano-Londra). Nel 1985 gli è stata data la responsabilità del Merchant Banking dell’IMI, nel 1987 è cofondatore della banca di investimenti Akros. Dal dicembre 1992 è Senior Country Manager del Banco Santander in Italia, è anche Presidente della Banca Santander Consumer Italia ed è stato Consigliere di Amministrazione della Banca San Paolo di Torino fino al 2006. Dal settembre 2009 a maggio 2012 è stato nominato da Benedetto XVI Presidente dell’Istituto per le Opere di Religione. È stato Consigliere Economico del Ministro del Tesoro italiano (2008-2011). Dal 2004 al 2013 è stato Consigliere di Amministrazione della Cassa Depositi e Prestiti e dal 2009 al 2013 Presidente del Fondo Italiano per le infrastrutture F2i. Da febbraio 2009 è Consigliere d’Amministrazione della Cassa Depositi e Prestiti Investimenti SGR spa (Social Housing). È stato docente universitario di Etica Economica e Finanza all’Università Cattolica di Milano. È stato editorialista de «l’Osservatore Romano» e de «Il Sole 24 Ore». È autore di Denaro e Paradiso. L’economia globale e il mondo cattolico (Edizioni Piemme, 2005), Spiriti Animali. La concorrenza giusta (Università Bocconi Editore, 2007), Le ragioni dell’Economia. Scritti per l’Osservatore Romano (Libreria Editrice Vaticana 2011) e Amare Dio e fare soldi. Massime di economia divina (Fede & Cultura 2014).

Jesús HUERTA de SOTO (1956)
È tra gli esponenti più rappresentativi della Scuola Austriaca di economia (www.jesushuertadesoto.com/) ed è Senior Fellow del Ludwig von Mises Institute (Auburn, Alabama, USA). Insegna Economia Politica presso la Facoltà di Scienze Giuridiche e Sociali della Rey Juan Carlos University di Madrid, in Spagna e in questa stessa università (dall’ottobre del 2007) tiene l’unico master ufficiale di economia della Scuola Austriaca. È fondatore e direttore della rivista «Procesos de Mercado: revista europea de economía política» (2004). È anche imprenditore, guidando una compagnia di assicurazioni sulla vita fondata dal nonno nel 1928 e al campo delle assicurazioni ha dedicato numerosi contributi scientifici. Le sue principali opere: Socialismo, cálculo económico y función empresarial (1992; trad. italiana: Socialismo, calcolo economico e imprenditorialità), Dinero, Crédito Bancario y Ciclos Económicos (1998; trad. inglese: Money, Bank Credit, and Economic Cycles; trad. italiana: Moneta, credito bancario e cicli economici), La Escuela Austríaca: mercado y creatividad empresarial (2001, trad. italiana: La Scuola Austriaca. Mercato e creatività imprenditoriale), The Theory of Dynamic Efficiency (2009).

Jörg Guido HÜLSMANN (1966)
È professore di Economia Politica presso la Faculté de Droit, d’Économie et de Gestion dell’Università di Angers, in Franciae ed è Senior Fellow del Ludwig von Mises Institute (Auburn, Alabama, USA). È stato curatore di sei volumi, in particolare di importanti riedizioni di opere di Murray N. Rothbard e di Capital and Production di Richard von Strigl, per lunghi decenni non più disponibile al pubblico degli economisti. I principali testi da lui firmati sono: Deflation and Liberty (Mises Institute, 2008), Ordnung und Anarchie. Essays über Wirtschaft, Politik und Kultur (Lichtschlage, Grevenbroich 2007) e Mises: The Last Knight of Liberalism (Mises Institute, 2007). L’etica della produzione di moneta (Solfanelli, Chieti, 2011, a cura di Carmelo Ferlito) è stato pubblicato dal Ludwig von Mises Institute (Auburn, Alabama) nel 2008 con il titolo The Ethics of Money Production; sono già state pubblicate traduzioni in Francia, Germania e Cina. È direttore dell’Austrian Research Seminar di Parigi. I suoi interessi scientifici riguardano lo studio della moneta, della banca, dei mercati finanziari. La sua attività scientifica può essere seguita sulla pagina internet: http://guidohulsmann.com/.

Nicola IANNELLO (1964)
È un giornalista e saggista. Dopo la laurea in Scienze Politiche, si è addottorato alla Scuola Superiore “Sant’Anna” di Pisa con una tesi pubblicata col titolo L’ordine degli uomini. Antropologia e politica nel pensiero di Thomas Hobbes e di Jean-Jacques Rousseau (Pisa-Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, 1998). È autore di numerosi saggi sul pensiero liberale e libertario contemporaneo, pubblicati su «Il Politico», «Biblioteca della libertà», «Bollettino di Filosofia politica», «élites», «Federalismo & Libertà». Ha tradotto opere di Ayn Rand, Murray N. Rothbard, Frédéric Bastiat. Per l’Istituto Bruno Leoni – di cui è fellow – ha curato l’antologia La società senza Stato. I fondatori del pensiero libertario (2004), e più di recente l’e-book Nessuna anarchia, poco Stato e molta utopia. Robert Nozick quarant’anni dopo (2014). Con Lorenzo Infantino ha curato il volume collettaneo Ludwig von Mises: le scienze sociali nella Grande Vienna (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2004). Con Carlo Lottieri ha pubblicato Secessione. Una prospettiva liberale (Brescia, La Scuola, 2015). Ha insegnato alla Lumsa e all’Università Europea di Roma. Ha un contratto integrativo di insegnamento alla Luiss “Guido Carli”.

Lorenzo INFANTINO (1948)
È titolare della cattedra di Filosofia delle Scienze Sociali presso la LUISS Guido Carli di Roma, dove insegna fin dal 1983. È autore di numerose ricerche, le più importanti delle quali sono state tradotte in varie lingue. È stato visiting professor in alcune prestigiose università europee e relatore all’Austrian Colloquium della New York University. Ha tenuto (2008) la Hayek Memorial Lecture presso il Ludwig von Mises Institute in Auburn (USA). È inoltre presidente della Fondazione Hayek - Italia (www.fondazionehayek.it/).

Maria Giuliana IURLANO (1953)
È professore aggregato di Storia delle Relazioni Internazionali presso l’Università del Salento. Ha pubblicato: Sion in America. Idee, progetti, movimenti per uno Stato ebraico, 1654-1917 (2004) e ha curato, insieme ad Antonio Donno, Nixon, Kissinger e il Medio Oriente, 1969-1973 (2010) e L’amministrazione Nixon e il continente africano. Tra decolonizzazione e guerra fredda (1969-1974) (2016). È co-editor di «Eunomia. Rivista semestrale on-line di Storia e Politica Internazionali» ed è presidente del CeSRAM (Centro Studi Relazioni Atlantico-Mediterranee).

Carlo LOTTIERI (1960)
Dopo essersi laureato in Filosofia a Genova con Alberto Caracciolo, ha proseguito gli studi a Ginevra e Parigi, dove ha ottenuto un dottorato di ricerca sotto la guida di Raymond Boudon. Da anni è docente nei seminari estivi organizzati dall’IES (Institute for Economic Studies) a Gummersbach (Germania), a Yundola (Bulgaria) e a Leuven (Belgio). È autore di molti saggi e collabora con vari quotidiani e periodici. Nel 2003, insieme ad Alberto Mingardi e Carlo Stagnaro, ha dato vita all’Istituto Bruno Leoni (www.brunoleoni.it). A lui si deve la promozione in Italia e all’estero (Francia, Repubblica Ceca, Spagna, Stati Uniti, Georgia) dell’opera del grande giurista italiano Bruno Leoni (1913-1967). Al momento insegna Filosofia politica presso la Facoltà di Giurisprudenza di Siena e Filosofia delle scienze sociali e Filosofia del Diritto all’Istituto di Filosofia presso la Facoltà di Teologia di Lugano.

Claudio MARTINELLI (1967)
È professore associato di Diritto Pubblico Comparato presso l’Università di Milano-Bicocca dove insegna anche Diritto Parlamentare. È autore di numerosi saggi di carattere costituzionalistico, comparatistico e storico-giuridico, tra cui i seguenti volumi: L’insindacabilità parlamentare (Giuffrè, 2002), Le immunità costituzionali nell’ordinamento italiano e nel diritto comparato (Giuffrè, 2008), Le radici del costituzionalismo. Idee, istituzioni, trasformazioni dal Medioevo alle rivoluzioni del XVIII secolo (Giappichelli, 2011); Diritto e diritti oltre la Manica. Perché gli inglesi amano tanto il loro sistema giuridico (il Mulino, 2014). Tra i suoi interessi scientifici, le aree di particolare attenzione sono: il costituzionalismo, le forme di governo, la cultura politico-giuridica del common law, il realismo politico e l’elitismo, il principio di laicità dello Stato.

Antonio MARTINO (1942)
Dopo la laurea in giurisprudenza all’Università di Messina nel 1964, a seguito di una selezione a livello europeo, proseguì gli studi a Chicago, sotto la guida di uno dei più famosi economisti, Milton Friedman. Tornato in Italia, è stato professore di Storia e politica monetaria presso la Facoltà di Scienze politiche della Università La Sapienza (Roma) e professore ordinario di Economia politica presso l’Università LUISS (Roma) della cui Facoltà di Scienze Politiche è stato anche Preside. Punto di riferimento del pensiero liberale, ha assunto posizioni politiche ed è stato ministro degli Affari Esteri (nel 1994) e ministro della Difesa (dal 2001 al 2006). È membro della Mont Pelerin Society, l’esclusivo e prestigiosissimo club fondato da Friedrich August von Hayek per riunire i maggior scienziati sociali free marked oriented. Della Mont Pelerin Society, Martino è stato anche presidente (nel biennio 1988-1990). Privilegio, questo, condiviso con un solo altro italiano, il grande giurista Bruno Leoni.

Pietro PAGANINI (1975)
È professore aggiunto presso la John Cabot University. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e Organizzazioni Complesse e un master in Multimedia. È Direttore Generale della Fondazione Luigi Einaudi.  È stato vice presidente di European Liberal Youth. Ha fondato Competere - Policies for Sustainable Development (Roma, Bruxelles, Washington DC), un pensatoio che elabora analisi e studi a favore dell’innovazione. Ha fondato anche l’Istituto Italiano per la Privacy (IIP) e l’European Privacy Association (EPA). Tra le sue pubblicazioni: Innovazione dalle Teorie al Territorio (2006), Next Privacy (2010) e Allenarsi per il Futuro (scritto con Stefano Cianciotta). È editorialista per «La Stampa» e partecipa come opinionista a diverse trasmissioni TV.

Roberto PALMIERI (1945)
Laureato in Ingegneria Meccanica, ha iniziato ad insegnare presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bari (professore di ruolo di “Gestione e Controllo di Qualità”) per poi passare al Dipartimento di Ingegneria Meccanica dell’Università di Salerno (professore di ruolo di “Gestione industriale della Qualità e di Sistemi Integrati di Produzione”, di “Analisi e Controllo Statistico dei Processi Produttivi” e di “Qualità per la Sicurezza dell’Ambiente”). È stato componente scientifico presso il Ministero del Bilancio (CIPE) e il Ministero dell’Ambiente nel nucleo di valutazione degli investimenti pubblici (Fondi FIO).

Marcello PERA (1943)
È stato professore di Filosofia teoretica e di Filosofia della scienza nelle università di Pisa e Catania. Dal 1996 al 2013 ha servito come senatore di Forza Italia, e dal 2001 al 2006 come Presidente del Senato. Le sue ultime pubblicazioni sono Senza radici (Mondadori, Milano 2004) in collaborazione con Joseph Ratzinger, Perché dobbiamo dirci cristiani (Mondadori, Milano 2008), e Diritti umani e cristianesimo (Marsilio, Venezia 2015).

Francesco PERFETTI (1943)
È professore ordinario di Storia contemporanea presso la facoltà di Scienze politiche della LUISS Guido Carli di Roma, ove ha insegnato altresì Storia moderna. Ha tenuto corsi di Storia contemporanea presso la Facoltà di Magistero dell’Università di Genova, di cui è stato anche preside. Nello stesso ateneo ha insegnato Storia moderna e Storia economica e sociale dell’età contemporanea. È direttore dell’Istituto Storico Italiano per l’Età Moderna e Contemporanea e della rivista «Nuova Storia Contemporanea». Tra gli altri suoi numerosi incarichi, si ricordano quello di capo del Servizio storico, archivi e documentazione del Ministero degli Affari Esteri, la presidenza della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani e la presidenza della Fondazione Ugo Spirito. Prosecutore delle ricerche di Renzo De Felice, ha dedicato la sua carriera di studioso prevalentemente al fascismo e alla storia di fenomeni politici ad esso contigui, come il movimento nazionalista e il fiumanesimo.

Francesco PETRILLO (1964)
È docente di Filosofia politica presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Molise. È anche co-direttore del Centro di ricerche internazionale per la metodologia ermeneutica delle società complesse in Roma, presso la Link Campus University. È avvocato cassazionista nonché socio della Società italiana di Filosofia giuridica e politica ora Società italiana di Filosofia del diritto. Ha insegnato anche presso università straniere, tra cui la “Georgetown university” di Washington e la “Patrice Lumumba” di Mosca. Tra i suoi scritti, vanno ricordati: Diritto e volontà dello stato nel pensiero di Giovanni Gentile (Torino, 1997), La decisione giuridica (Torino, 2005), Interpretazione degli atti giuridici e correzione ermeneutica (Torino, 2011), La lezione di Antonio Rosmini Serbati. Principi giuridici fondamentali e diritti umani (Chieti, 2012).

Paolo SAVARESE (1956)
È professore ordinario di Filosofia del diritto presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Teramo; di questa stessa Facoltà è attualmente Preside. È Dottore di ricerca in Filosofia del diritto presso la Università “La Sapienza” di Roma (1990) e Dottore di ricerca in Filosofia presso la Pontificia Università Gregoriana (1998). È stato professore invitato presso la Pontificia Università Gregoriana, presso la Universidad del Mar di Viña del Mar (Cile), presso la Universidad Mundial di La Paz BCS (Messico). Ha diretto il grande lavoro progettuale e gestionale svolto dal 2006 ad oggi per impostare il dottorato di ricerca "Governo dell'impresa, dell'amministrazione e della società nella dimensione internazionale" (GIASDI). Tra i suoi saggi: Relazione, Regola e Diritto. L’intersoggettività giuridica nella prospettiva di Joseph de Finance (Giuffrè, 1990); Schelling filosofo del diritto. Introduzione alla lettura e commento di testi fondamentali (Giappichelli, 1996); La pretesa e la regola. Il diritto come modo della parola (Giuffrè, 1999); Il diritto nella Relazione (Giappichelli, 2000); La possibilità nella regola. Il diritto nel mondo comune (Giappichelli, 2004); Appunti per una logica dei diritti umani (Aracne, 2006); Diritto ed episteme. Note sullo statuto dello strumento giuridico (Ediz. Nuova Cultura, 2014); La sussidiarietà e il bene comune (Ediz. Nuova Cultura, 2014 e II ed. ampliata 2015).

Carlo SCOGNAMIGLIO PASINI (1944)
Dopo la laurea ottenuta in Economia all’Università Bocconi con summa cum laude, è divenuto assistente nella stessa università; si è poi specializzato in Economia applicata alla London School of economics con i professori Basil Yamey e Harry Johnson. È stato Professore incaricato di Corporate finance e di Economia dei settori industriali nelle università di Padova e Bocconi. Primo vincitore del concorso per professore ordinario di ruolo, è stato chiamato alla cattedra di Economia Applicata (industriale) dell’università LUISS Guido Carli di Roma. Della LUISS è divenuto rettore dal 1984 al 1992. Numerose le sue pubblicazioni in abito scientifico. Nel 1992 è stato eletto senatore nelle liste del Partito Liberale Italiano e, nell’aprile 1994, a 49 anni di età, è stato eletto Presidente del Senato della Repubblica. In seguito ha ricoperto gli incarichi di ministro della Difesa e di presidente dell’Aspen Institute.

Roger Vernon SCRUTON (1944)
È tra i più noti filosofi e saggisti britannici. È un pensatore dai molti interessi testimoniati dai tanti temi affrontati nei suoi numerosi libri, quasi tutti tradotti anche in italiano. È Visiting Professor in diverse università (Cambridge, London, Boston, Princeton, Oxford, Stanford, Louvain, Guelph (Ontario), Witwatersrand (S. Africa), Waterloo (Ontario), Oslo, Bordeaux). Al momento insegna filosofia presso la University of St Andrews in Scozia, una delle più antiche istituzioni accademiche europee.

Serena SILEONI
Dal 2013 è Vicedirettore generale dell'Istituto Bruno Leoni. Dottore di ricerca in diritto pubblico comparato, è assegnista in diritto costituzionale all’Università degli Studi di Milano Bicocca, dopo esserlo stata a Firenze e alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Abilitata all’esercizio della professione forense e giornalista pubblicista (i suoi articoli sono ospitati in alcuni fra i principali quotidiani nazionali, tra cui «Corriere della Sera - CorriereEconomia», «Il Foglio», «Panorama»), è stata fino al 2012 responsabile editoriale della casa editrice Liberilibri. Tra le sue pubblicazioni: Autori delle proprie regole. I codici di condotta per il trattamento dei dati personali e il sistema delle fonti (2011), nonché molti saggi e articoli su riviste accademiche.

Daniele VELO DALBRENTA (1968)
Ha conseguito il dottorato di ricerca nell’Università di Padova ed è attualmente professore associato nell’Università di Verona, dove insegna Teoria generale del diritto, Logica giuridica e Sociologia del diritto. Tra le pubblicazioni si segnalano: La scienza inquieta. Saggio sull’Antropologia criminale di Cesare Lombroso (CEDAM, Padova 2004), Res iudicata. Figure della positività giuridica nell’esperienza contemporanea, in co-curatela con C. Sarra (Padova University Press, Padova 2013), Brocardica. Una introduzione allo studio e all’uso dei brocardi (Franco Angeli, Milano 2007) e Libertates. Stato, politica e diritto alla prova delle volontà individuali, in co-curatela con C. Lottieri (IBL Libri, Torino 2014).

Alessandro VITALE (1961)
Assistant Professor di Analisi della Politica Estera e di Politica Estera Comparata presso l’Università degli Studi di Milano. Ha insegnato dal 2003 Studi Strategici presso la stessa Università. Dopo la Specializzazione post-laurea (Università Cattolica, Milano), è stato ricercatore a tempo indeterminato presso l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI), Milano. Borsista presso le Università di Mosca (Russa) e di Vilnius (Lituania), ha insegnato per dieci anni in corsi seminariali all’Università Cattolica, nell’Università Bocconi, nell’Università degli Studi di Milano e, all’estero, all’Università Jagellonica di Cracovia e in quelle di Novosibirsk e di Ekaterinburg. Ha soggiornato a lungo in Russia, Lituania e Polonia e ha svolto studi presso la Temple University di Filadelfia, l’Università dell’Alabama (USA), l’Università di Toronto e quelle di Mosca e di Oxford. Le sue numerose pubblicazioni hanno a tema i rapporti internazionali e la geopolitica dei paesi dell’Est.